info fuori programma calendario sedute cicli gruppi il centro OMC - Oneness Meditation Center Treviso
Torna alla pagina iniziale
  logo menu
 

OMC TV
via Cavour, 7/a - 31050 Ponzano Veneto (TV)
Tel: 0422 968485
info@omctreviso.it


Breve storia di Satyam e del centro

Fin da piccolo un desiderio mi accompagnava, riaffiorando continuamente sopra ogni altro: trovare una chiave di comprensione del mondo che avrebbe portato serenità e pace a me e a tutte le persone a me care. Mi tuffai così nella lettura di tutto ciò che mi capitava, per accorgermi presto che lo studio e la conoscenza che deriva dai libri può dare al massimo solo un riflesso della vita ma non può pretendere di sostituirsi ad essa. Mi ritrovai ben presto a sentire il limite del mio sforzo, iniziando ad intuire che l'esperienza vissuta è una maestra ben superiore alla conoscenza intellettuale. Non riuscii tuttavia a mettere in pratica subito questa intuizione, proseguendo negli studi classici fino a laurearmi in Filosofia, con un costante sottofondo di frustrazione accompagnata dalla sensazione che mancava sempre qualcosa.
La lettura dei primi libri di Osho che erano stati tradotti da poco in Italia, mi accese una fiamma nuova. Non solo finalmente qualcuno si poneva come "maestro di vita", offrendomi la possibilità di un'esperienza diretta, ma asseriva con fermezza che la vera comprensione del mondo non può nascere da un'osservazione esterna, bensì dallo spostare la propria attenzione all'interno di noi stessi. Io, che già al Liceo avevo imparato ad amare filosofi come Socrate, Eraclito, Pitagora, decisi che questa era l'unica possibilità per migliorare la mia vita e quella degli altri.
I risultati disastrosi dei movimenti studenteschi di quegli anni che avevano fallito nella realizzazione di un sogno che avevo condiviso e che vedevo frantumarsi creando in realtà una situazione opposta a quella auspicata, mi spingevano a cambiare decisamente direzione.
Fu così che intrapresi un lungo viaggio per conoscere Osho e il suo esperimento di vita nella comune da lui creata a Poona, dopo aver percorso alcune tappe che mi portarono ad avvicinarmi al mondo orientale in India e Nepal, in particolare quello buddista.
Dal primo incontro con Osho, non ho mai smesso quella ricerca costante dentro di me del "testimone", o sakshin, quell'osservatore che, in ciascuno di noi, non identificandosi con il proprio corpo-mente, ci può indicare la nostra natura più profonda, più vera e infinitamente più grande di quello che appare ai nostri sensi.
La meditazione come modo di vivere e non come pratica separata dal resto delle attività quotidiane è stata la mia meta. Come affermano molti patriarchi dello zen, come possiamo sperare di fare un salto di qualità nella nostra vita, dedicando anche un'ora al giorno alle tecniche di meditazione, rimanendo in uno stato non meditativo per le altre ventitré?

Riconoscere Osho come maestro mi ha portato molti doni, primo fra tutti quello di rinforzare la mia passione e ricerca della verità. Questo è il significato del nome che ho ricevuto da lui e che, come sperimento sempre di più giorno dopo giorno, non è una Verità con la V maiuscola, non è qualcosa di assoluto e rigido, ma è la verità del momento, la mia verità, è qualcosa di molto semplice e autentico; quando la tocco, allora mi accorgo che è semplicemente una verità universale che si frammenta in miliardi di unità individuali per poi riflettere il Tutto, come un ologramma.
Un altro regalo è stata l'apertura verso ogni strada, la flessibilità e l'eclettismo che, unendosi al coraggio di continuare ad esplorare senza fermarsi, anziché diventare superficialità, si è trasformata in uno stimolo a confrontare e unire il meglio di ogni percorso fino a trovare la mia via, unica e irripetibile.
Osho ha il grande merito di aver fatto conoscere al mondo l'esistenza di tanti maestri di ogni tradizione, alcuni sottovalutati o ignorati, trovando i punti comuni più che le differenze, spaziando dall' Oriente all'Occidente, dall'antichità ai contemporanei. Ci ha sempre invitato a sperimentare ogni tecnica di meditazione fino a trovare quelle che più funzionano per ciascun individuo, mettendoci in guardia dal pericolo di imitare i grandi del passato, incoraggiandoci a scavare in profondità fino a trovare la nostra guida interiore, quello che in India è noto come Sat-Guru.
Così non mi sono limitato a praticare tecniche di meditazione, ma ho continuato a percorrere numerosi sentieri di introspezione, ispirati a varie scuole di Psicologia del profondo o a tradizioni orientali che andavano dalla Programmazione Neuro Linguistica all'Ipnosi Ericksoniana, dal Counseling al Rebirthing e alle Costellazioni Sistemiche, dal Reiki all'uso del Koan Zen.
Ognuna delle esperienze fatte mi aveva in qualche modo arricchito e aperto nuovi orizzonti, nuovi modi di pensare, sentire e agire, fornendomi strumenti preziosi sia per me stesso che da offrire poi ad altri.
Mi mancava comunque un ponte che rompesse una barriera tra i due percorsi. Osho me lo aveva indicato ma esistevano comunque ancora zone oscure, soprattutto nei miei compagni di avventura. Taluni sottilmente rinnegavano la validità di un lavoro paziente nel proprio mondo inconscio, affidando tutto a un "divino", alternativamente vissuto come fuori o dentro di noi. Altri continuavano a guardare con sospetto o diffidenza tutto ciò che non rientrasse in canoni tradizionali, riconducibili ai grandi padri fondatori del lavoro dell'inconscio: Freud, Jung e i loro successori.
L'incontro con Faisal Muqaddam, fondatore del Diamond Logos Teachings, mi ha fornito uno strumento formidabile per mettere insieme psicologia e spiritualità. All'inizio ho dovuto lasciar andare parte del bagaglio collezionato in tanti anni, rimettendo in discussione nuove convinzioni che, avendo ormai svolto il lavoro prezioso di scardinare quelle precedenti, stavano diventando a loro volta obsolete, dimostrandosi un nuovo ostacolo sulla via di un'esplorazione aperta.
Il nuovo paradigma del Diamond Logos è la rottura di uno schema mentale che considera l'ego come un nemico da abbattere per poter realizzare la propria natura divina. Al contrario di vecchie tradizioni spirituali che pongono l'accento sulla dissoluzione della struttura della personalità per conseguire la liberazione, o Illuminazione, qui la natura essenziale dell'individuo è una realtà che coesiste semplicemente ad un livello superiore a quella del corpo-mente e si tratta solo di riconoscere sempre di più il nostro ego, senza alcun bisogno di combatterlo, per lasciare emergere il nostro Sé individuale, o Sé superiore.
Il sollievo di tale nuova prospettiva che pone l'accento sulla consapevolezza e l'accettazione di se stessi, lasciando andare ogni sforzo di una ricerca di scorciatoie inesistenti, mi ha permesso di fare un salto qualitativo notevole nella mia vita, aprendo una nuova fase di maturazione.

Nel frattempo, era il 1990, mentre il mio percorso personale proseguiva, avevo aperto io stesso un centro di meditazione, una decina di anni dopo il primo viaggio a Poona e appena qualche mese prima che Osho lasciasse il corpo.
L'obiettivo principale era quello di condividere le mie esperienze, offrendo un luogo e degli strumenti a tutti coloro che erano assetati di una ricerca simile alla mia. Le attività riflettono quello che ho vissuto e sperimentato in prima persona.
Spesso chi si avvicina viene indirizzato a iniziare con delle tecniche di meditazione o di respiro circolare, per avere un assaggio di come si può imparare ad ascoltare il proprio corpo e le proprie emozioni, arrivando così a gestirle invece che diventarne schiavo. Successivamente è pronto ad un lavoro più profondo di ascolto e conoscenza di sé, utilizzando i molteplici strumenti a disposizione.
Anche le modalità variano a seconda della propria personalità, delle proprie esperienze precedenti e delle personali predisposizioni: si va dall'incontro individuale a quelli di gruppo serali, alle giornate intere, ai fine settimana. È possibile costruire un proprio percorso personalizzato che tenga conto di numerosi fattori. La considerazione che prevale, data la mia esperienza pluriennale, è che una continuità ripaga immensamente di più che tante singole esperienze.
Se teniamo presente che meditare e andare dentro noi stessi è più che una mera esperienza appagante perché può portare ad un risveglio e ad una fioritura della nostra natura divina, allora quello che appare all'inizio come uno sforzo verrà alla fine ricompensato immensamente.
Oltretutto al giorno d'oggi per intraprendere un serio percorso di evoluzione personale, non è più necessaria una scelta drastica che un tempo si richiedeva ai novizi, di rinunciare al mondo per ritirarsi in un monastero per venti o trent'anni. Al contrario è possibile ed auspicabile rimanere nel mondo ma non del mondo, purché si sia disposti a portare il fuoco principale della propria attenzione non sull'esterno, ma su quello che il fuori produce dentro di noi. L'obiettivo non è tanto di conseguire delle mete per elevarsi al di sopra del proprio essere umani, ma di permettere alla propria umanità di fiorire. Qualcuno in passato affermava provocatoriamente che l'uomo non ha un'anima ma deve conquistarsela. Basta rivedere la storia o leggere le cronache quotidiane del nostro pianeta per accorgersi di come purtroppo spesso prevalga nell'umanità un aspetto brutale, a scapito delle numerose qualità essenziali che spesso possiamo ammirare ancora integre in un fanciullo innocente: amore, forza, coraggio, gioia, pace. Se riusciamo a scoprire in che modo ci siamo staccati da queste qualità, in quali circostanze dolorose non abbiamo potuto evitare un processo di distorsione, siamo sulla strada buona per riattivarle in noi.
Innescheremo così un processo irreversibile, altrettanto efficace quanto quello che ce le ha fatte perdere e non solo per noi stessi, ma anche coinvolgendo gli altri. Sarà così possibile cambiare le attuali tendenze negative di separazione e lotta tra gli individui e le società, in altre modalità quali senso di unione e cooperazione tra i popoli, per un pianeta un po' migliore di quello che abbiamo trovato alla nostra nascita.


tratto da: Paola Giovetti, Luoghi di meditazione, di pellegrinaggio, di spiritualità in Italia, Mediterranee, pag. 229 e seguenti

Iscriviti alla nostra newsletter

 

Attività in
Programma:


È online la pagina dedicata ai commenti lasciati da chi ha partecipato ai gruppi.
Clicca qui per vederla e scrivere qualcosa anche tu


Ciclo di respiro
29 giugno 2016


Il sé
2 - 3 luglio 2016


La compassione
30 - 31 luglio 2016

 

Calendario>>


OMC TV
Via Cavour, 7/a - 31050 Ponzano Veneto (Treviso)
Tel. 0422 968485
E-mail:info@omctreviso.it